Centro di Nutrizione e Consulenza a Caltagirone (CATANIA, Sicilia)

29 novembre 2011

A Natale il menù... intelligente

Collaborazione con la rivista nazionale MIXER


Il Natale, come ogni anno, ci pone un autentico dilemma a cui non sappiamo dare risposta.  Soddisfare il nostro palato con le golosità natalizia o stare attenti alla nostra linea.
Chi lo ha detto che questi opposti non possano convergere con un giusto compromesso?
Il segreto sta proprio nelle porzioni che vengono servite. Natale è sinonimo di tenerezza, calore, armonia e bellezza; per questo motivo è necessario coccolare il cliente, invitarlo ad abbandonarsi ai piaceri culinari ma stando attenti a non intaccare la sua linea. La maggior parte dei clienti che mangiano cibi fugaci e non, nei bar o nei ristoranti in genere, è gente a cui la linea importa e come. I liberi professionisti, gli impiegati, gli operai, un po’ meno i turisti, sono target di clienti attenti agli ingredienti, attenti alle calorie, attenti forse anche al colesterolo. E’ opportuno non sottovalutare questo aspetto. Un ristorante o un bar dovrebbe esporre, a mio parere, davanti ad ogni preparato alimentare che sia dolce e non, gli ingredienti e le calorie totali per porzione, ciò invoglierà il cliente a consumare cibi che altrimenti crederebbe toppo calorici. Per esempio:
la “Mousse magra al caffè con panna montata” (ingredienti: uova, cioccolato fondente, caffè forte e panna montata fresca non vegetale) porzione da 125 g =  187 calorie     ....

21 novembre 2011

Insulino-Resistenza


Cos'è?

In assenza di patologie i livelli di glucosio nel sangue sono mantenuti entro uno stretto intervallo; questo equilibrio è regolato soprattutto dagli ormoni pancreatici: in particolare all'aumento della glicemia si associa l'aumento del trasporto di glucosio nelle cellule ß-pancreatiche con conseguente rilascio in circolo di insulina. L'aumento di insulina a sua volta stimola il trasporto e l'utilizzazione del glucosio da parte dei tessuti periferici (in particolar modo il fegato, i muscoli scheletrici e il tessuto adiposo). Oltre agli effetti sull'omeostasi glicemica, l'insulina regola la crescita cellulare, favorisce la sintesi dei carboidrati, dei grassi, delle proteine e regola infine l'espressione di numerosi geni. L'insulino-resistenza è una condizione caratterizzata da una diminuzione degli effetti biologici dell'insulina; in altri termini, è una condizione nella quale le quantità fisiologiche di insulina producono una risposta biologica ridotta, specie a livello dell'omeostasi glicemica. L'iperglicemia persistente stimola il pancreas a secernere quantità maggiori di insulina, determinando così iperinsulinemia ....

14 ottobre 2011

L'importanza della colazione, anche al bar.

Collaborazione con la rivista nazionale MIXER
La colazione, come è ben noto, è importante in quanto regola non solo il nostro equilibrio fisico ma anche quello psichico. Chi è abituato a fare colazione, e per colazione intendo una sana colazione, è statisticamente provato che non ha problemi di peso eccessivo.  Il nostro fisico è come una macchina a benzina, quando finisce il carburante deve essere rifornita, altrimenti si ferma. Se ci si organizza e ci si abitua a fare una sana colazione non rischiamo deconcentrazione a lavoro, giramenti di testa, buchi nello stomaco. In questo modo non rischieremo  di ingurgitare per fame e ingordigia alimenti ipercalorici e a basso potere saziante come i pasticcini.

La colazione dovrebbe soddisfare circa il 15% del nostro fabbisogno calorico giornaliero, dovrebbe essere ricca di zuccheri, che sono la fonte principale di energia, e non di grassi che provocano solo accumulo di peso. .....


La Nutrizione in Autunno

collaborazione con la rivista nazionale MIXER


L’arrivo dell’autunno, come ogni anno, è accompagnata dagli inevitabili sbalzi termici, a volte anche di 10 °C. La temperatura, come uno Yo-Yo, sale e scende e le conseguenze sono inevitabili e risapute: raffreddore, faringite, tosse, mal di testa, ecc. tutti sintomi inequivocabili del cambio di stagione. Il nostro organismo possiede mezzi di difesa che da soli non sono sufficienti a proteggerci, perciò è opportuno adottare metodi preventivi ed efficaci di resistenza e immunizzazione.
In questo periodo troviamo ortaggi, verdure e frutta ricchi di vitamine e Sali minerali idonei a migliorare e fortificare le nostre difese immunitarie...
Riflettendoci un attimo,  è palese come la natura ci aiuti alla preparazione della stagione fredda.
D’estate la frutta così come gli ortaggi sono molto ricchi di acqua per combattere la disidratazione, basti pensare all’anguria, alle prugne, ai cetrioli, al pomodoro ecc..;


3 giugno 2011

Il caldo ha influenza sulla qualità degli alimenti



Collaborazione con la rivista nazionale MIXER
Le temperature primaverili ed estive hanno una grande influenza sulla qualità sia organolettica che nutrizionale degli alimenti. Le temperature al di sopra de 10°C creano la proliferazione di batteri che, se superate una certa quantità, possono provocare intossicazioni e tossinfezioni alimentari di lieve o grave intensità sul consumatore, con la possibile sequela giuridica che ne può conseguire tra quest’ultimo e il ristoratore.
La legge italiana impone al ristoratore (o comunque a tutti coloro che manipolano alimenti) di eseguire periodicamente l'HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points), come sistema di autocontrollo igienico, e di tenere sempre aggiornato il “Manuale di corretta prassi igienica”, per prevenire contaminazioni sia biologiche (batteriche, virali, parassitarie) che chimiche (impiego di detersivi non idonei per il lavaggio delle superfici, metalli …) che fisiche(presenza di corpi estranei) degli alimenti.
E’ opportuno che il ristoratore tenga in particolare considerazione le “Tecniche di Conservazione” per ogni tipo di alimento, specificatamente indicati nel manuale di corretta prassi igienica e attuabili con periodici controlli utilizzando il metodo dell’HACCP.

25 febbraio 2011

Intolleranza al lievito di birra

Come fare il “lievito da pasta madre”
E’ possibile seguire due metodi:

     1.  Per ottenere la pasta madre, si mescolano (più o meno) 100 grammi di farina e 100 grammi di acqua. Si impastano velocemente e si mette il composto a riposare per una notte intera in piatto (ricoprendolo con una ciotola capovolta una più grande dell'impasto in modo da coprire senza "soffocare", lasciando cioè respirare il composto). Il giorno seguente si aggiungono un altro po' di acqua e di farina e si ripone di nuovo in luogo tiepido. Si continua così fino a quando il composto non prenderà un odore di acido e al tempo stesso di lievito.

    2.       Il secondo è, invece, un modo *facilitato* di produrre un lievito ugualmente naturale aiutando la fermentazione con l'azione di fermenti aggiunti (in questi casi, quelli dello iogurt). Si parte, anche in questo caso, con due tre cucchiaiate di farina, ma - invece che con l'acqua - la si mescola con un'analoga quantità di yogurt. Al mattino si aggiunge ancora farina e yogurt; si rimpasta e si rimette a riposare. Dopo circa ventiquattro ore, il lievito dovrebbe dare i suoi primi segnali di risposta: se tutto è andato bene, cioè, si presenta leggermente gonfio e inizia a "profumare" leggermente di lievito. Ancora uno o due rimpasti (solo con farina e acqua, stavolta) e il lievito dovrebbe essere pronto....


Alimenti permessi e non nell'allergia al Nichel

Pasta: pasta di grano duro, pasta all’uovo, pasta di riso, riso, pasta di kamut
Cereali: orzo,  grano, farina di tipo 0, farina di tipo 00, farina di kamut
Biscotti e derivati: biscotti aproteici, biscotti di Kamut, biscotti secchi, creckers aglutinati, creckers aproteici, creckers di kamut, creckers di riso,creckers non salati e salati, creckers senza lievito, fette biscottate glutinate,  fette biscottate, fette biscottate al malto d’orzo, fette biscottate proteiche, fette biscottate di kamut, fiocchi di mais senza glutine, frollini, gallette di riso integrale senza glutine, grissini, muesli, muesli aglutinati, pancarré, pancarré senza glutine, pane all’olio, pane aproteico, pane bianco, pane di kamut, pane di grano duro, pane di riso, pane senza lievito, pangrattato, piadina, pizzetta bianca, riso soggiato, savoiardi....

18 gennaio 2011

Tabelle Dietetiche per: mense scolastiche, case di riposo, asili, strutture extraospedaliere, case famiglia...

presso questo studio è possibile trovare Tabelle Dietetiche già approvate dalle ASL di Agrigento, Catania, Caltanissetta, Ragusa, Latina.


                        TABELLE    DIETETICHE   per:                   

    Mense scolastiche
Asili
 Case Famiglia
 Case di riposo
     Strutture extraospedaliere

   
   In oltre si effettuano:
  • valutazione del rischio nutrizionale
  • sorveglianza nutrizionale
  • valutazione periodica degli scarti e la conformitàdei menù e delle grammature degli alimenti
  • preparazione della stesura del Capitolato
  • elaborazione di menù
  • attenzione alla qualità tramite controlli diretti a campione sulle forniture e sul vitto
  • attenzione sulla qualità percepita tramite l'utilizzo di questionari e di interviste ai pazienti


    per costi e informazione telefonare o mandare una mail

    0933/031331      

    info@studiodinutrizione.com